La vista degli alberi – alti, imponenti, dall’aspetto quasi eterno – ha sempre suscitato in tutti gli uomini un sentimento di stupore, di rispetto ma anche di grande tranquillità.
Non solo: gli alberi sono letteralmente la nostra salvezza. E’ grazie al loro, infatti, che possiamo respirare a pieni polmoni, in quanto sono la nostra principale fonte di ossigeno ed è proprio per questo motivo che la sorte dell’umanità e quella degli alberi sono indissolubilmente legate, anche se molto spesso tendiamo a dimenticarcene.
Gli alberi, inoltre, sono in grado di assorbire anidride carbonica purificando l’aria con le loro foglie, con le loro forti radici, soprattutto nelle zone di montagna, trattengono la terra contenendo così il rischio di frane, smottamenti e alluvioni e infine con le loro fronde danno ospitalità a uccelli e piccoli animali e ombra a tutti noi.
Ecco i migliori aforismi sugli alberi, per ricordarci sempre del loro ruolo e della loro grande importanza.

Gli alberi non tradiscono, non odiano, irradiano solo felicità e amore. Ecco perché l’uomo stando vicino agli alberi, avverte una corrente positiva e rigeneratrice.
(Romano Battaglia)

So che gli alberi mi guardano, mi curano e mi proteggono con la loro presenza silenziosa, col loro amore senza parole. Non sanno nulla di me, ma sono disposti a distendere le loro braccia sopra di me e sopra ciascuno.
(Pietro Citati)

Consigliano alle donne depresse di abbracciare gli alberi perché così possono ritrovare la voglia di vivere. È vero, gli alberi trasmettono un’energia che non può immaginare chi non l’ha provata.
(Romano Battaglia)

L’albero è il più grande successo della natura.
(Anonimo)

Gli alberi sono il grande alfabeto di Dio.Con loro Egli Scrive, in verde brillante,In tutto il mondo, i suoi pensieri sereni.
(Leonora Speyer)

Gli alberi che sono lenti a crescere portano i frutti migliori.
(Moliere)

Più antico è un albero, più tra le sue fronde e nelle cavità possono abitare capinere, passeri, tortore, storni, scoiattoli, insetti. Salvo casi di emergenza, da metà marzo fino a conclusione dell’autunno non bisognerebbe tagliarne nemmeno una fronda. Non solo sono i mesi della piena vegetazione, ma pure quelli in cui uccelli, insetti, piccoli mammiferi, già logorati dall’urbanizzazione, depongono le uova e partoriscono le cucciolate.
(Margherita D’Amico)

Un albero è vivo come un popolo più che come un individuo, abbatterlo dovrebbe essere compito solo del fulmine.
(Erri De Luca)

È molto difficile cancellare i segni profondi che gli avvenimenti hanno impresso sulla nostra anima. Siamo il frutto del nostro passato, siamo la vita stessa che ci è cresciuta dentro come il fusto di un albero con i colori, i profumi e le imperfezioni che i venti e le piogge hanno fissato per sempre sulla sua corteccia.
(Romano Battaglia)

Dagli gli alberi ho capito il significato della pazienza. Dall’erba ho imparato ad apprezzare la persistenza.
(Hal Borland)

Io non ho mai visto un albero infelice. Essi si aggrappano al terreno come se gli piacesse, e sebbene ben radicati, viaggiano tanto lontano quanto noi. Vanno vagando in tutte le direzioni con ogni vento, andando e venendo come noi stessi, viaggiando con noi attorno al sole per due milioni di miglia al giorno, e attraverso lo spazio, il cielo solo sa quanto velocemente e lontano!
(John Muir)

Chi ha imparato ad ascoltare gli alberi non brama più di essere un albero. Vuole essere quello che è.
(Hermann Hesse)

Sotto la terra ci sono le tenebre, riposa la profonda oscurità. Come prima della creazione del mondo… Sopra la terra c’è la luce. L’albero è l’unione di questi due mondi. Porta la luce al vuoto tenebroso. Porta, al fondo della terra, l’aria di cui necessita per ricostruirsi e fornire la vita.
(Ignácio de Loyola Brandão)

Trova il tempo per pensare e sarai saldo come un albero.
Per leggere e vedrai cosa c’è sopra le nuvole.
Per distenderti e sarai dolce come l’erba.
E se trovi il tempo per amare, sarai come il cielo quando è più azzurro.
(Fabrizio Caramagna)

La gioventù va via presto sulla terra, figuratevi sugli alberi, donde tutto è destinato a cadere: foglie, frutti.
(Italo Calvino)

Davanti a certi alberi dal tronco perfettamente dritto, sento qualcosa come un vertigine morale.
(Lorenzo Olivan)

Albero (s.m.). Pianta di forma allungata di cui la natura ci ha provveduti nella sua generosità, perché potessimo servircene come strumento di pena.
(Ambrose Bierce)

Il mito però non riconosce nell’albero solo un simbolo della vita ma anche del cosmo. Con le radici affondate nel terreno primordiale, dischiudendo la sua fioritura nell’universo, genera stelle e soli. Qui il padre e la madre sono uniti in eterno splendore. È il legno della vita al centro della città eterna in cui ancora non vi sono divisioni né luoghi sacri. Anche il frassino Yggrasil, all’ombra del quale ogni giorno si riuniscono gli dèi per tenere consiglio, non deve morire con loro: sopravvive oltre il tramonto.
(Ernst Jünger)

Rustiche frenesie, sogni fioriti, | deliri vegetabili odorosi, | capricci de’ giardin, Protei frondosi, | e di ameno furor impazziti, || quasi piante di Cadmo amano arditi | a l’Autunno guerrier tornei selvosi; | o di Pomona adulteri giocosi | fan nascere nel suol mostri mentiti. || Vedi zampe di tigri e ceffi d’orso | e chimere di serpi; e se l’addenti, | quasi ne temi il tocco e fuggi il morso. || Altri in larve di Lemuri frementi | arruffano di corna orrido il dorso, | e fan cibo e diletto anco i spaventi.
(Giacomo Lubrano)

L’evocazione degli alberi, della loro maestosità indifferente e dell’amore che proviamo per loro da un lato ci insegna quanto siamo insignificanti, cattivi parassiti brulicanti sulla superficie terrestre, dall’altro invece quanto siamo degni di vivere, perché siamo capaci di riconoscere una bellezza che non ci è debitrice.
(Muriel Barbery)

Le mani dell’albero hanno le unghie sporche di azzurro a furia di scavare dentro il cielo
(Fabrizio Caramagna)

Anche gli alberi hanno la loro anima che è in fondo, il demone stesso della vegetazione (come lo sono gli spiriti antropomorfici o i re di maggio, le cui gare o processioni si inverano, appunto, nel conducimento e nel seppellimento dello spirito dell’albero).
(Giuseppe Cocchiara)

Amo gli alberi perché sembrano più rassegnati di ogni altro essere o cosa al modo in cui devono vivere.
(Willa Cather)

Come gli dèi, anche gli alberi muoiono: gli uni e gli altri sono le creature più delicate e feribili del mondo; e noi dobbiamo assistere alla loro malattia e alla loro morte.
(Pietro Citati)

L’albero a cui tendevi / la pargoletta mano, / il verde melograno / da’ bei vermigli fior, / nel muto orto solingo / rinverdí tutto or ora / e giugno lo ristora / di luce e di calor.
(Giosuè Carducci)

Diverse volte al giorno guardo furtivamente dalla finestra la luce dorata del tiglio, come un gatto lecca il suo latte a piccoli sorsi rapidi e avidi.
(Christian Bobin)

Gli alberi sono forse i soli che conoscono a fondo il mistero dell’acqua.
(Jules Renard)

C’è qualcuno seduto all’ombra oggi perché qualcun altro ha piantato un albero molto tempo fa.
(Warren Buffett)

Se le foglie degli alberi non si muovessero, gli alberi sarebbero infinitamente tristi e la loro tristezza sarebbe la nostra.
(Edgar Degas)

Chi pianta un albero
pianta una speranza.
(Lucy Larcom)

Tra i rami dei grandi alberi mi sono arrampicato per guardare il cielo…con la loro frutta mi sono sfamato, con il loro legno mi sono riscaldato: a loro devo la mia
vita…
(Mario Rigoni Stern)

Che brucino o spariscano alberi preoccupa poca gente. Ma dove c’è un albero che brucia o viene abbattuto per qualche profitto, o uso non strettamente necessario, o anche per far posto semplicemente a insediamenti umani in eccesso, a industrie o autostrade, oscure radici buttano fuori e cresce e ramifica in fretta un albero di morte. Se anche non ci fossero altre cause basterebbe l’enorme perdita di alberi, la distruzione sistematica delle foreste, la proliferazione cancerosa degli spazi urbanizzati dove l’albero rantola semiasfissiato dai gas, a provocare l’irrefrenabile aumento della violenza sulla terra. L’albero che separa uomo da uomo separa anche i loro coltelli alzati, inceppa il tamburo delle loro pistole.
(Guido Ceronetti)

Piantate alberi. Ci danno due degli elementi più cruciali per la nostra sopravvivenza: ossigeno e libri!
(Whitney Brown)

Uno sciocco non vede lo stesso albero che vede un saggio.
(William Blake)

Non imitare i grandi alberi che, quasi per orgoglio, non vogliono piegarsi al vento e prima o poi crollano. Comportati come le canne che vedi al limite del campo. Si agitano, si abbassano, ma poi tornano come prima.
(Romano Battaglia)

Pianta alberi, che gioveranno in un altro tempo.
(Marco Porcio Catone)

Le foreste precedono i popoli, i deserti li seguono.
(François-René de Chateaubriand)

Abiurerei tutti i miei terrori per il sorriso di un albero…
(Emil Cioran)

L’uomo è come un albero e in ogni suo inverno levita la primavera che reca nuove foglie e nuovo vigore.
(Vasco Pratolini)

Amo gli alberi. Sono come noi. Radici per terra e testa verso il cielo.
(Erri de Luca)

Anche se sapessi che domani il mondo andrà in pezzi, vorrei comunque piantare il mio albero di mele.
(Martin Luther King)

Sapranno tutti gli alberi della foresta | che io sono il Signore, | che umilio l’albero alto e innalzo l’albero basso; | faccio seccare l’albero verde e germogliare l’albero secco.
(Libro di Ezechiele)

Se un albero scrivesse l’autobiografia, non sarebbe diversa dalla storia di un popolo.
(Khalil Gibran)

Gli alberi rimangono intatti se tu te ne vai. Ma tu no, qualora se ne vadano loro.
(Markku Envall)

Diciamo di amare i fiori, ma li strappiamo. Diciamo di amare gli alberi, ma li abbattiamo. E la gente ancora si chiede perché alcuni hanno paura quando viene detto loro che sono amati.
(Anonimo)

Anche gli alberi sgomitano per un po’ di sole.
(Caparezza)

La condotta dell’uomo dovrebbe ispirarsi a un albero. Il tronco è radicato, i rami sono liberi di agitarsi nel vento.
(Ip Man – The Final Fight)

Gli alberi sono liriche che la terra scrive sul cielo. Noi li abbattiamo e li trasformiamo in carta per potervi registrare, invece, la nostra vuotaggine.
(Khalil Gibran)

Un albero ascolta comete, pianeti, ammassi e sciami. Sente le tempeste sul sole e le cicale addosso con la stessa premura di vegliare. Un albero è alleanza tra il vicino e il perfetto lontano
(Erri De Luca)

Vedo ovunque nella natura, ad esempio negli alberi, capacità d’espressione e, per così dire, un’anima.
(Vincent Van Gogh)

Per me gli alberi sono sempre stati i predicatori più persuasivi. Li venero quando vivono in popoli e famiglie, in selve e boschi. E li venero ancora di più quando se ne stanno isolati. Sono come uomini solitari. Non come gli eremiti, che se ne sono andati di soppiatto per sfuggire a una debolezza, ma come grandi uomini solitari, come Beethoven e Nietzsche.
(Herman Hesse)

In tempi passati, alberi e uomini erano buoni amici.
(Il mio vicino Totoro)

Un albero è conosciuto per i suoi frutti, un uomo per le sue azioni.
(Basilio Magno)

Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa. Il secondo momento migliore è adesso.
(Confucio)

Le querce e i pini, e i loro fratelli della foresta, hanno visto sorgere e tramontare così tanti soli, e visto andare e venire così tante stagioni, e svanire nel silenzio così tante generazioni, che possiamo ben chiederci cosa sarebbe per noi “la storia degli alberi”, se questi avessero la lingua per narrarcela, oppure se le nostre orecchie fossero abbastanza sensibili da comprenderla
(Maud Van Buren)

Dire “morire come mosche” non ha più senso; “morire come alberi” bisogna dire. Questo ci ricorderà la nostra maledizione.
(Guido Ceronetti)

I poveri ecologi devono accontentarsi di salvare tre o quattro alberi, mentre i demoni ne abbattono in un colpo, nel mondo, nello stesso momento, trecentomila.
(Guido Ceronetti)

Chi ha visto il vento? Né voi né io. Ma quando gli alberi chinano il capo, vuol dire che il vento sta passando.
(Christina Georgina Rossetti)

I tronchi degli alberi sono separati, ma le radici si tengono strette le une alle altre e i rami in alto si intrecciano. Sono uniti a livello profondo ed a quello più elevato. Gli uomini dovrebbero essere come un’immensa foresta.
(Romano Battaglia)

Gli alberi sono santuari. Chi sa parlare con loro, chi li sa ascoltare, conosce la verità. Essi non predicano dottrine e precetti, predicano, incuranti del singolo, la legge primigenia della vita.
(Hermann Hesse)

ALBERO
l’esplosione lentissima
di un seme.
(Bruno Munari)

Nella vita bisogna fare tre cose: fare un figlio, scrivere un libro, piantare un albero.
(Detto zen)

Lega un albero di fico nel modo in cui dovrebbe crescere, e quando sarai vecchio potrai sederti alla sua ombra.
(Charles Dickens)

C’è sempre musica tra gli alberi del giardino, ma i nostri cuori devono essere molto sereni per sentirla.
(Minnie Aumonier)

In realtà sono le anime degli alberi che noi vediamo in inverno. In estate tutto è verde e idilliaco ma in inverno sono soltanto i rami e i tronchi ad esaltare.
(Nymphomaniac)

Anche un albero con il tronco così grande da non riuscire ad abbracciarlo ha inizio da un delicato germoglio.
(Proverbio cinese)

Il potere reale è come un grande albero frondoso; se gli spunti la cima o gli tagli i rami più grossi, e gli lasci stare gli altri rami e la radice, crescerà ancora e riprenderà nuova forza.
(Gerrard Winstanley)

Il frutto è cieco. Chi vede è l’albero.
(René Char)

Talvolta, un albero umanizza un paesaggio meglio di quanto farebbe un uomo.
(Gilbert Cesbron)

A 6 anni mi hanno insegnato a scrivere i nomi dei fiori e degli alberi, sillabando le lettere una dopo l’altra. Ma ci ho messo tutta la vita a imparare a misurarli con la punta delle dita, a mettermi nel vento insieme a loro, a chiedere un passaggio per l’invisibile.
(Fabrizio Caramagna)

In albero giovane che non abbia ancora profonde radici, può con facilità sterparsi; bisogna usar la scure chi lo lasci ingrossare.
(Confucio)

Fate come l’albero, che cambia le foglie e conserva le radici. Cambiate le vostre idee e conservate i princìpi.
(Anonimo)

Fa più rumore una albero che cade, piuttosto che una foresta che cresce.
(Lao Tse)

Un albero ha bisogno di due cose: sostanza sotto terra e bellezza fuori.
Sono creature concrete ma spinte da una forza di eleganza. Bellezza necessaria a loro è vento, luce, uccelli, grilli, formiche e un traguardo di stelle verso cui puntare la formula dei rami. La macchina che negli alberi spinge linfa in alto è bellezza, perché solo la bellezza in natura contraddice la gravità.
(Erri De Luca)

L’albero rappresenta, fin dai tempi più antichi, il simbolo e l’espressione della vita, dell’equilibrio e della saggezza.
(Jean Giono)

Il mondo: una foglia appesa all’albero dell’universo.
(Fabrizio Caramagna)

Credo che non vedrò mai una poesia bella come un albero. Ma le poesie le fanno gli sciocchi come me. Un albero lo può fare solamente Dio.
(Joyce Kilmer)

La forza degli alberi è la fede. Non hanno incertezze, sono venuti al mondo per volere di qualcuno e a loro basta questo per crescere e sopravvivere ai temporali.
(Romano Battaglia)

Anche gli alberi a primavera scrivono poesie. E gli stupidi pensano che siano dei fiori.
(Donato Di Poce)

Che straordinario dono sono gli alberi e quante cose potremmo imparare da loro, se solo sapessimo guardarli, vederli, prestare loro l’amore e l’attenzione che si presta agli amici.
(Susanna Tamaro)

Agli albori della storia l’Europa era coperta di un’immensa foresta primigenia, dove le sparse radure devono essere sembrate delle isolette in un oceano di
verde.
(James G. Frazer)

La foglia di un albero è lo sforzo senza fine della terra di comunicare con il cielo.
(Rabindranath Tagore)

Insieme con l’acqua l’albero è il simbolo della creazione. Nessun’altra forma rappresenta la vita quanto lui. Le radici aspirano l’humus. Il tronco ne è l’asse. I rami sono l’espansione, il dominio della sfera terrestre. Fogli e fiori solidali alla luce sono forze imponderabili.
(Ignácio de Loyola Brandão)

Gli alberi non tradiscono, non odiano, irradiano solo felicità e amore. Ecco perché l’uomo stando vicino agli alberi, avverte una corrente positiva e rigeneratrice.
(Romano Battaglia)

Davanti a ciò che questa vita ha di più crudele, tutti i pensieri talvolta crollano, privi di sostegno, e non ci resta altro che domandare agli alberi che tremano sotto il vento di apprenderci questa compassione che il mondo ignora.
(Christian Bobin)

L’albero sembra | un cane intento a | ringhiare verso i Cieli.
(Jack Kerouac)

Guarda agli alberi, guarda agli uccelli, guarda alle nuvole, guarda alle stelle… e se hai occhi sarai in grado di vedere che l’intera esistenza è gioiosa. Tutto è semplicemente felice. Gli alberi sono felici senza nessuna ragione; non sono destinati a diventare primi ministri o presidenti e non diventeranno ricchi e non avranno mai un conto in banca. Guarda ai fiori senza motivo. È semplicemente incredibile quanto siano felici i fiori.
(Osho)

Non terrorizzate i vostri bambini con la vita eterna. Ditegli che da morti si diventa alberi. I grandi alberghi degli uccelli.
(Diego Cugia)

Un albero diventato semplice cosa, utilità, ornamento, dopo che fu abitazione vivente di esseri divini, sede di una forza soprannaturale, traccia visibile di una divinità, non è più salvabile.
(Guido Ceronetti)

I nudi rami degli alberi aspettano la primavera per rifarsi il guardaroba.
(Roberto Gervaso)

Qualsiasi stupido è capace di distruggere gli alberi; non possono né difendersi né scappare.
(John Muir)

Perché vi sono alberi sotto i quali non posso passare senza che vasti e melodiosi pensieri non scendano su di me? | (Ritengo che pendano da quegli alberi, d’estate come d’inverno, e facciano sempre cadere frutti sul mio passaggio).
(Walt Whitman)

Gli alberi sono le colonne del mondo, quando gli ultimi alberi saranno stati tagliati, il cielo cadrà sopra di noi.
(Detto dei nativi americani)

Non meno che le statue divine dove splendono oro e avorio, adoriamo i boschi sacri e, in questi boschi, il silenzio.
(Plinio il Vecchio)

Per vivere la spiritualità e la realtà della vita dovremmo imitare gli alberi con i rami alti che sfiorano il cielo e le radici aggrappate profondamente alla terra.
(Romano Battaglia)

Lascia che la pace della natura entri in te come i raggi del sole penetrano le fronde degli alberi. Lascia che i venti ti soffino dentro la loro freschezza e che i temporali ti carichino della loro energia. Allora le tue preoccupazioni cadranno come foglie d’autunno.
(John Muir)

Per vivere tranquilli dobbiamo mantenere una giusta distanza da tutto e da tutti. Infatti, gli alberi piantati troppo vicini gli uni agli altri rimangono soffocati dai loro rami e dalle foglie e non danno buoni frutti.
(Romano Battaglia)

Amo nomi d’alberi e fiori che mai ho visto né saprei riconoscere se li vedessi: l’ontano nero, la rosa camna…
(Gesualdo Bufalino)

Amo appoggiare la mia mano sul tronco di un albero davanti al quale passo, non per assicurarmi dell’esistenza dell’albero, di cui non dubito, ma della mia.
(Christian Bobin)