Il Carnevale è una festa antica, il cui nome si riferisce proprio alla sua particolarità: carnem levare, infatti, significa “eliminare la carne” e si riferisce al banchetto che si teneva tradizionalmente l’ultimo giorno di carnevale, ovvero il martedì grasso, che precede la Quaresima, ovvero un periodo di sobrietà e digiuno che culmina con la Pasqua.
Ogni zona d’Italia ha le sue tradizioni legate a questa festività: basti pensare al famosissimo Carnevale di Venezia con le sua maschere raffinatissime, al Carnevale di Ivrea con la sua battaglia delle arance o ai celebri carri allegorici di Viareggio. Questa festa della tradizione cristiana è sempre occasione di gioia per adulti e bambini, che possono travestirsi con maschere più o meno tradizionali, fare scherzi innocenti ad amici e familiari, lanciare coriandoli e stelle filanti e mangiare i dolci tipici di questo periodo.
Ecco quindi le più belle frasi sul Carnevale, le battute più divertenti, ma anche i proverbi tipici di varie zone d’Italia che rivelano usanze e costumi di questi luoghi.

La mia unica consolazione è sapere che almeno tu oggi resti normale, visto che alla tua maschera ci hai già abituato durante l’anno! Buon Carnevale!
(Dal web)

Verso la fine della vita avviene come verso la fine di un ballo mascherato, quando tutti si tolgono la maschera. Allora si vede chi erano veramente coloro coi quali si è venuti in contatto durante la vita.
(Arthur Schopenhauer)

Carnevale in poesia mette tanta allegria.
(Dal web)

Carnevale in casa d’altri e Natale in casa tua.
(Proverbio)

Oggi è Martedì “grasso”. Se fosse stato donna, sarebbe stato un Martedì “ti trovo dimagrita!”
(FranAltomare, Twitter)

Oggi sono così bella che quando gli ho chiesto una maschera per il carnevale, il commesso mi ha dato solo l’elastico.
(la_simple, Twitter)

Nascondi chi sono, e aiutami a trovare la maschera più adatta alle mie intenzioni.
(William Shakespeare)

Nel quotidiano le persone si nascondono sotto varie maschere. Nel carnevale le maschere svelano il loro vero volto.
(Mieczysław Kozłowski)

Il mondo è un vasto teatro in cui ognuno interpreta la sua parte con la maschera sul naso.
(Anonimo)

Lo scherzo nasce dal buon umore, che sembra tipicamente incline a diminuire gli investimenti psichici. Esso si serve già di tutte le tecniche caratteristiche del motto e già ne adempie la condizione fondamentale, scegliendo un materiale verbale o un nesso mentale tali da soddisfare sia le richieste del conseguimento di piacere sia quelle della critica dell’intelletto. Ne dedurremo che l’abbassarsi dell’investimento mentale al livello inconscio, facilitato dal buon umore, s’avvera già nello scherzo.
(Sigmund Freud)

La vita è troppo breve per prendersi sul serio, e troppo lunga per sposarsi per scherzo.
(Anonimo)

A carnevale ogni scherzo vale.
(Proverbio italiano)

Nel quotidiano le persone si nascondono sotto varie maschere. Nel carnevale le maschere svelano il loro vero volto.
(Mieczysław Kozłowski)

Il Carnevale è il periodo che amo di più coinvolge tutti grandi e piccini, scaccia via la monotonia portando tanta allegria.
(Dal web)

Chi vuole essere sempre serio e non si lascia andare ogni tanto allo scherzo senza nemmeno accorgersene diventerebbe pazzo o idiota.
(Erodoto)

La quaresima viene dopo il carnevale per ricordarci che siamo polvere e non coriandoli.
(Franco Lissandrin)

Carnevale, giorno sempre triste per me che amo la quiete ed il silenzio.
(Edmondo De Amicis)

Chi non ride mai non è una persona seria.
(Charlie Chaplin)

Carnevale al sole, Pasqua al fuoco, carnevale al fuoco, Pasqua al sole.
(Proverbio)

Scherzando si dice anche la verità.
(Sigmund Freud)

Carnevale in filastrocca, con la maschera sulla bocca, con la maschera sugli occhi, con le toppe sui ginocchi.
(Dal web)

Viva i coriandoli di Carnevale, bombe di carta che non fan male! Van per le strade in gaia compagnia i guerrieri dell’allegria!
(Dal web)

È arrivato il carnevale, conquistando monti e mare. È arrivato tutto matto, si è mascherato anche il mio gatto. Su di un carro maestrale ecco il re del Carnevale. Capelli ricci, corona in testa, tutti intorno gli fan festa, mentre dondola la testa. Ha la giacca a doppio petto, esce fuori il suo pancione, assomiglia a un panettone. I calzoni corti a righe, le scarpe col taccone, con un grosso medaglione. Ma che burla è il Carnevale, su quel carro maestrale. Tanto ricco di frittelle, mandorlati e caramelle. Tenerelli in quantità, una valanga di bontà. Di coriandoli e palline, tante belle mascherine. È una grande scorpacciata di simpatica allegria,
vieni a farci compagnia. Viva, viva il carnevale, abbandona ogni male.
(Anonimo)

Nessuno può portare a lungo la maschera.
(Seneca)

Capisci di essere un buon padre, quando tuo figlio di cinque anni, per Carnevale, sceglie di vestirsi da Bob Marley.
(RudyZerbi, Twitter)

Esistono in tutto due generi di scherzo: uno volgare, violento, vergognoso e osceno, e un altro elegante, urbano, ingegnoso e fine.
(Marco Tullio Cicerone)

Ogni uomo nasce con un suo volto. Questo volto racconta inevitabilmente chi siamo, da dove veniamo. Il nostro volto ci inchioda alla storia. La maschera di carnevale è la fuga dalla propria storia, la libertà della propria identità tramite il travestimento.
(Fragmentarius)

Tutto ciò che è profondo ama mascherarsi; le cose più profonde odiano l’immagine e la similitudine.
(Friedrich Nietzsche)

È febbraio monellaccio molto allegro e un po’ pagliaccio; ride, salta, balla, impazza, per le vie forte schiamazza; per le vie e per le sale accompagna il Carnevale. Se fra i mesi suoi fratelli ve ne sono dei più belli, il più allegro e birichino, sempre è lui, ch’è il più piccino.
(Tradizione italiana)

Avete fatto caso che l’ultima domenica di carnevale i cimiteri sono un mortorio?
(Dal film Totò cerca pace)

A carnevale ogni scherzo vale, ma che sia uno scherzo che sa di sale.
(Proverbio italiano)

Ogni falsità è una maschera, e per quanto la maschera sia ben fatta, si arriva sempre, con un po’ di attenzione, a distinguerla dal volto.
(Alexandre Dumas)

La volgarità è il pretesto principe con cui i tromboni, di tutte le epoche, hanno cercato di tappar bocca alla satira. Si parva licet, anche del Boccaccio dicevano che era volgare e anche lui difendeva la sua arte, come me in questo momento. La verità è che la satira non è volgare, è esplicita. La satira usa come tecnica la riduzione al corporeo, alle esigenze fisiologiche primarie: mangiare, bere, urinare, defecare, scopare. Lo fa per sovvertire le gerarchie costituite. È il potere liberatorio della satira, secondo la tradizione millenaria che dalle sette dionisiache arriva fino al nostro Carnevale. Non esiste sacro senza profano. Il sacro senza profano diventa integralismo.
(Daniele Luttazzi)

I ‘Grandi’: un tempo miravano al monumento in piazza (all’erezione ‘statuaria’ della propria effigie). Oggi, la loro vis democratica li porta in strada, tra la gente, on the road: ad un contatto onesto goliardico gioviale. – Oggi anelano a una colossale sagoma di cartapesta sui carri di Carnevale.
(Carlo Sorrentino)

La maschera è antica quanto la stessa umanità ed è il simbolo della trasformazione dell’uomo in un altro Io.
(O. Eberle)

I carnevali passano, certe maschere restano.
(Jean Paul Malfatti)

Non è pazzo il carnevale ma chi gli va dietro.
(Proverbio)

Per quanti minuti della giornata io sono io? Per quanti altri replico una maschera, un gesto imposto da un regista che non si vede e che ignoro?
(Gesualdo Bufalino)

Il mondo è tutto in maschera; tutto l’anno è carnevale.
(Mariano José de Larra)

Tutta la vita umana non è se non una commedia, in cui ognuno recita con una maschera diversa, e continua nella parte, finché il gran direttore di scena gli fa lasciare il palcoscenico.
(Erasmo da Rotterdam)

Quante volte lo scherzo nasconde la tristezza!
(Fratelli Grimm)

Sono a pezzi, a carnevale mi travesto da coriandoli.
(rattodisabina, Twitter)

Carnevale in filastrocca, con la maschera sulla bocca, con la maschera sugli occhi, con le toppe sui ginocchi: sono le toppe d’Arlecchino, vestito di carta, poverino. Pulcinella è grosso e bianco, e Pierrot fa il saltimbanco. Pantalon dei Bisognosi “Colombina,” dice, “mi sposi?” Gianduia lecca un cioccolatino e non ne da niente a Meneghino, mentre Gioppino col suo randello mena botte a Stenterello. Per fortuna il dottor Balanzone gli fa una bella medicazione, poi lo consola: “E’ Carnevale, e ogni scherzo per oggi vale”.
(Gianni Rodari)

Ho conosciuto persone senza maschera ma col carnevale dentro. Rare. Sono stato fortunato.
(cinkweb, Twitter)

San Valentino e Carnevale cadono nello stesso mese. Trovo stupido mettere così vicino due feste di maschere.
(Francesco D’Antonio)

I divertimenti di tipo Carnevalesco e le azioni o i riti comici a esso collegati, avevano un ruolo enorme nella vita dell’uomo del Medioevo. Oltre al Carnevale propriamente detto, con tutte le sue azioni e processioni complicate che occupavano per giorni interi le piazze e le strade, si celebrava la “festa dei folli” (festa stultorum) e la “festa dell’asino” ed esisteva anche un “riso pasquale” (risus paschalis) libero, consacrato alla tradizione.
(Michael Bachtin)

Datemi, o Signore, il senso del ridicolo. Concedetemi la grazia di comprendere uno scherzo, affinché conosca nella vita un po’ di gioia e possa farne parte anche ad altri.
(Tommaso Moro)

il Carnevale è una benevola concessione delle classi dominanti che permettono dei giornidi “rovesciamento”, dove ogni struttura di potere si allenta per poi rigenerarsi e consolidarsi inmaniera sempre più autoritaria.
(Anonimo)

Ah, che bello il carnevale: i bambini travestiti, le loro urla, le loro risate, le stelle filanti che ti tirano addosso, l’istinto omicida.
(dbric511, Twitter)

Il martedì grasso è l’occasione per prendersi meno sul serio, e tornare un po’ bambini. Togliamoci la maschera che indossiamo durante la vita quotidiana, ed impariamo ad essere più noi stessi, a tirare fuori il lato più scherzoso e spensierato nascosto dentro di noi!
(Dal web)

Il fine di uno scherzo non è quello di degradare l’essere umano ma di ricordargli che è già degradato.
(George Orwell)

Chi è nato di Carnevale, non ha paura di brutti musi.
(Proverbio)

Lo scherzo è bello quando dura poco.
(Proverbio)

E dopo tutto cos’è una bugia? Solo la verità in maschera.
(George Byron)

Ed carneval, ogni schérz al vèl.
(Proverbio emiliano)

Pulcinella aveva un gallo, tutto il giorno vi andava a cavallo, con la briglia e con la sella. Viva il galletto di Pulcinella! Buon carnevale!
(Dal web)

Al tempo del Carnevale, l’uomo mette sulla sua maschera un volto di cartone.
(Xavier Forneret)

Odio il Carnevale. Ci provi con una principessa disney e ti ritrovi a letto con un camionista di Brembate. (Zziagenio78, Twitter)

Ogni giorno è Carnevale tra le apparenze sfavillanti di lustrini e brillantini, si indossano maschere ad ogni occasione e si sfila tra i carri dell’insolenza, dell’arroganza e della satira non ironica.
(Dal web)

Chi non gioca a Natale, chi non balla a Carnevale, chi non beve a san Martino [11 novembre], è un amico malandrino.
(Proverbio)

A carnevâl ogni scherz al vâl.
(Proverbio friulano)

Non c’è Carnevale senza luna di Febbraio.
(Proverbio)

Natale stizzone, carnevale solleone.
(Proverbio)

Secondo me vengono indossate più maschere a natale che a carnevale.
(postofisso2012, Twitter)

Natale senza denari, carnevale senza appetito, Pasqua senza devozione, si fanno male.
(Proverbio italiano)

Di carnevale il povero a zappare.
(Proverbio)

Ridere non è affatto un brutto modo per iniziare un’amicizia.
(Oscar Wilde)

La maschera incarna il principio della vita stessa.
(Michail Bachtin)

Festa di contestazione, di rottura, di rigenerazione sociale vissuta in un tempo ciclico di morte e di resurrezione, d’annientamento e di rinascita, il Carnevale esprime anche la voce dei gruppi sociali inferiori e l’opposizione della cultura popolare alle forme e alle immagini della cultura ufficiale.
(Piero Camporesi)

De carnevaa l’è lecit tuttcoss.
(Proverbio lombardo)

Che altro è la vita se non una specie di commedia nella quale gli attori che si travestono con vari costumi e maschere entrano in scena e recitano la loro parte finché il regista li fa scendere dal palcoscenico.
(Erasmo da Rotterdam)

È Carnevale e molta brava gente prova gusto a mascherarsi, nelle fogge più strane: invece, io provo una voluttà indicibile nel buttar via ogni maschera d’ipocrisia sociale: e spalancare il cuore, come uno sportello”.
(Luigi Arnaldo Vassallo)

Ogni uomo mente, ma dategli una maschera e sarà sincero.
(Oscar Wilde)

Il successo di uno scherzo giace nell’orecchio di colui che lo ascolta e mai nella lingua di chi lo fa.
(William Shakespeare)

Il mio scopo è quello di insegnarvi a passare da un’assurdità mascherata a quella che è palesemente tale.
(Ludwig Joseph Wittgenstein)

A carnevale si conosce chi ha la gallina grassa.
(Proverbio)

Da san Luca [18 ottobre] a Natale, tutti studiano uguale; da Carnevale a Pasqua, chi studia e chi studiacchia.
(Proverbio italiano)

Siamo tanto abituati a mascherarci di fronte agli altri, che finiamo per mascherarci anche di fronte a noi stessi….
(Francois de la Rochefoucauld)

Tutti i cibi in Quaresima fan male, a chi abusò di tutti in Carnevale.
(Proverbio)

Il vento rilegge il mio giornale, e domani uscire di nuovo, farmi una faccia allegra per il prossimo carnevale.
(Claudio Baglioni)

Mi metterei volentieri una maschera sul volto e con diletto cambierei il mio nome.
(Stendhal)

L’umanità si prende troppo sul serio. È il peccato originale del mondo. Se l’uomo delle caverne fosse stato capace di ridere, la storia sarebbe stata diversa.
(Oscar Wilde)

Ogni scherzo vale, sono giorni d’allegria tutto è gioia e simpatia. C’è letizia dentro i cuori, tutti i bimbi vanno fuori, delle maschere è la festa, Arlecchino sempre in testa!
(Dal web)

Devo fabbricarmi un sorriso, munirmene, mettermi sotto la sua protezione, frapporre qualcosa tra il mondo e me, camuffare le mie ferite, imparare, insomma, a usare la maschera.
(Emil Cioran)

Pulcinella ed Arlecchino, Stenterello e Meneghino, con Brighella e Pantalone, Colombina e Balanzone, fanno ridere i bambini. Viva, viva i burattini!
(Dal web)

A carnevale tutto il mondo è giovane, anche i vecchi. A carnevale tutto il mondo è bello, anche i brutti.
(Nicolaï Evreïnov)

Il bello del Carnevale è che molte donne risparmiano sul costume da strega.
(FranAltomare)

Quando il padre fa Carnevale, ai figlioli tocca far Quaresima.
(Proverbio)

Andare con i figli in maschera a Venezia per il Carnevale. Mescolarsi nella bolgia. Tornare a casa. Togliere le maschere ai figli. Di altri.
(MaxMangione, Twitter)

Per Sant’Antonio abate, maschere e serenate [17 gennaio].
(Proverbio)

Chi scherza coi matti deve lasciare che i matti scherzino con lui.
(Proverbio)

Carvò a e barcon, Pasqua a u tison.
(Proverbio piemontese)

Una maschera ci dice di più di una faccia.
(Oscar Wilde)

L’hanno scorso io mi sono vestita da Cenerentola, e pure quest’anno mi vestirò da Cenerentola, perché il vestito è facile, basta che prendi delle pezze.
(Dal film Io speriamo che me la cavo)

Ricordo quella volta che mio padre mi comprò i coriandoli. Fu un carnevale bellissimo, mi divertii un casino. Fu l’unica volta, perché l’anno dopo mio padre non mi volle più comprare i coriandoli. Mi rimproverò che l’anno prima li avevo buttati tutti.
(Mauroemme)

L’uso, comune a tutte le lingue europee, della parola persona per indicare l’individuo umano è, senza saperlo, pertinente: persona significa, infatti, la maschera di un attore, e in verità nessuno si fa vedere com’è; ognuno, invece, porta una maschera e recita una parte.
(Arthur Schopenhauer)

L’amore di carnevale muore in quaresima.
(Proverbio)

Il Carnevale, in opposizione alla festa ufficiale, era il trionfo di una sorta di liberazione temporanea della verità dominante e dal regime esistente, l’abolizione provvisoria di tutti i rapporti gerarchici, dei privilegi, delle regole e dei tabù. Era l’autentica festa del tempo, del divenire, degli avvicendamenti e del rinnovamento. Si opponeva ad ogni perpetuazione, ad ogni carattere definitivo e ad ogni fine.
(Michael Bachtin)

È Carnevale. O come direbbe Studio Aperto “È in arrivo una massiccia ondata di coriandoli”.
(diegoilmaestro, Twitter)

– Papà perché mi hai mascherato da pallone da rugby?
– Siamo a carnevale. Ogni scherzo ovale.
(tragi_com78, Twitter)